Tender leggeri per barche carrellabili

La scelta di un tender per un piccolo cabinato carrellabile dovrebbe  tenere conto dei seguenti aspetti: // Peso // Ingombro da sgonfio // Stabilita’

a vrgada con tender 1Iniziamo dalla stabilita’: anche un canottino di “plasticaccia”, come vedremo, puo’ andar bene, purche’ abbia alcuni accorgimenti. Infatti i comuni canottini tendono a ribaltarsi molto facilmente, al minimo spostamento del peso.

Ingombro da sgonfio: questo e’ anch’esso un aspetto fondamentale: giacche’ una piccola barca difficilmente potra’ permettersi di trainare il tender in acqua, esso andra’ sistemato a bordo semisgonfio o, meglio ancora, completamente sgonfio. Di conseguenza, vista la carenza di spazi di stivaggio, sara’ fondamentale che il tender possa essere stivato con il minimo ingombro possibile; per questo motivo andrebbero evitati quei modelli con lo specchio di poppa rigido (in genere di legno) che, anche a tender smontato, mantengono dimensioni poco compatibili con quelle dei  gavoni.

Peso: un canotto o tender come lo si preferisca chiamare, per essere maneggevole  (intendendo la possibilita’ di toglierlo dal gavone, portarlo in pozzetto e gonfiarlo senza troppi sforzi) non dovrebbe pesare piu’ di una quindicina di chili. Questo deve gia’ considerarsi un peso limite, sia per la difficolta’ di sollevamento necessaria per metterlo in acqua una volta gonfiato, sia per la difficolta’ a spostarlo (sgonfio) dal gavone ove e’ immagazinato.

Vediamone i tipi principali:

Tender classico, Tender_avvolgibile classicodi dimensioni comprese tra 1,8 e 2,5 mt. Il vantaggio e’ nel costo non troppo elevato (variabile, a seconda della marca e del modello, da 300 a 1000 euro) e della robustezza complessivamente buona. Gli svantaggi maggiori sono nel peso, in genere variabile tra i 17 ed i 30 kg) e nell’ingombro da sgonfio che non ne permette un facile stivaggio (anche nel caso di fondo a stecche): poco fruibile, su barche carrellabili.

Tender superleggero di forma classica: simile al precedente,Tender_classic-superlilght ha la caratteristica di essere molto leggero, questi i vantaggi ( i valori che seguono sono riferiti al modello di 2,3 mt di lunghezza): oltre alla leggerezza (13,8 kg), ha un valore di carico di tutto rispetto (350 kg). Tra gli svantaggi abbiamo  il prezzo (699 €) e l’ingombro (0,90 x 0,45 x 0,30 mt) che implica avere gavoni molto lunghi per lo stivaggio. Qui il link ad un sito che lo descrive.

Tender superleggero tipo “rounded”: Tender_round_superlightha la caratteristica di essere leggerissimo (da 7 a 12 kg a seconda della misura) e di ingombro contenuto per lo stivaggio nei gavoni (70 x 45 x 32 cm); dovrebbe essere anche molto stabile. Il prezzo non e’ tra i piu’ bassi (500 – 750 euro a seconda delle lunghezze. Qui il link ad un sito che lo descrive.

Tender in pvc (tipo quelli di marca Tender-tubolariStabilizzatoriSenza nomeSevylor) con tubolari stabilizzatori laterali posti sotto il fondo: si tratta di canottini apparentemente di “plasticaccia” (come quello dell’immagine all’inizio di questo post) che in realta’ offrono molto di piu’ di quello che si possa pensare. Infatti con i due tubolari laterali (nell’immagine a fianco), e’ possibile avere una buona stabilita’, quasi confrontabile  con quella dei tender “piu’ seri” ( e piu’ pesanti e costosi). I vantaggi sono la leggerezza (max 12 kg per una lunghezza di 2,5 mt), l’ingombro gestibile ed il prezzo. Lo svantaggio principale e’ costituito dal tipo di materiale (pvc) che implica una maggiore attenzione nell’utilizzo. Sono comunque migliori di quanto si possa pensare a prima vista, hanno valvole/tappi di chiusura di ottima fattura, un tappo di scarico per l’acqua sul fondo, un attacco per un motore elettrico.

Sevylor HF 250Un altro esempio di tale tipologia di canotti e’ il Sevylor Fish Hunter HF250:

Anche questo modello (il precedente era invece il Sevylor T250) dispone di due tubolari stabilizzatori. Il prezzo di questi “tenderini” varia da 140 a 250 euro. Possono anche montare un piccolo motore elettrico ma, anche la propulsione a remi e’ veramente efficace (anche se si stenta a crederlo visti i piccoli remi in dotazione).

Sevylor K65Infine, abbiamo i canottini economici in pvc, tipo Sevylor K65: beh, in questo caso il problema maggiore e’ costituito dalla facilita’ con la quale si possono rovesciare, appena appena si sposta leggermente il peso. Difficile poterli consigliare se non per casi estremi. Il prezzo e’ ovviamente molto basso (una sessantina di euro). Per quanto detto a proposito della stabilita’, dimenticatevi, su questo tipo di mezzi, di sedervi sui tubolari (come sulla prima foto del post) pena un bagno quasi certo.

Di seguito una tabella (puo’ essere espansa cliccandoci sopra) che riporta un confronto con le principali caratteristiche tecniche delle tipologie di tender sopra descritte; la tabella e’ ordinata per riga in base alla lunghezza del tender.

Confronto piccoli tender

Infine, il link ad una discussione sul forum di Marinai di Terraferma, e ad un un altro post precedente sull’argomento

Conclusioni …. non ce ne sono di univoche:  se non spaventa il prezzo, il tipo rounded potrebbe essere la soluzione migliore, ma anche il Sevylor Fish Hunter 250, con il suo prezzo (140 euro) potrebbe rappresentare una buona scelta di compromesso tra leggerezza, basso costo ed utilizzabilita’.

BV

Tender leggeri per barche carrellabiliultima modifica: 2016-02-21T17:25:56+01:00da countrysailor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *